• Home
  • Leggi
  • Isan
  • Bonus mobili 2021: un'ottima occasione per rinnovare l’arredamento di casa

Bonus mobili 2021: un'ottima occasione per rinnovare l’arredamento di casa

mobili

Arredare la propria abitazione grazie al bonus mobili: perché non approfittarne?

Grazie al bonus mobili 2021, approvato nella Legge di bilancio, il mercato dei mobili, sia che si tratti di quello online che di quello tradizionale, subirà sicuramente un incremento positivo. Molte persone approfitteranno delle agevolazioni poste in essere: vediamo i quali detrazioni sono concesse dal bonus mobili e in che modo possiamo risparmiare grazie al nuovo bonus.

L’anno 2020 è stato segnato, purtroppo, dagli eventi legati alla pandemia e al Coronavirus: per dare un po’ di supporto all’economia sono state portate avanti varie iniziative, dagli incentivi per le ristrutturazioni (Bonus 110%) al bonus mobili.

Grazie a questa iniziativa potremo acquistare un nuovo arredamento per la nostra abitazione, usufruendo, grazie a una detrazione IRPEF, di un notevole sconto. La detrazione non interessa soltanto l’acquisto di mobili, ma anche di elettrodomestici.

È arrivato quindi il momento di rinnovare l’arredamento di casa, acquistando nuovi mobili, come letti, armadi, cassettiere ma anche nuovi elettrodomestici, come forni elettrici, lavastoviglie e frigoriferi.

Grazie al bonus possiamo avere una detrazione IRPEF del 50%, detrazione che permetterà di acquistare sia mobili che elettrodomestici con una  classe energetica non inferiore alla A+. Tutti i beni devono essere destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. Il limite di spesa fissato è tra i 10.000 e i 16.000 euro.

È importante sapere che, requisito fondamentale per accedere al bonus, la data di inizio lavori delle opere edilizie deve essere antecedente all’acquisto dei mobili, che comunque non può essere prima del 1° gennaio 2020. 

In quali documenti possiamo trovare una data ufficiale di inizio lavori? La data a cui bisogna fare riferimento è quella presente nelle dichiarazioni DIA e nelle dichiarazioni SCIA . E’ possibile utilizzare pure l’autocertificazione compilando una dichiarazione sostitutiva di atto notorio. Anche il restauro e gli interventi di risanamento conservativo, che interessano edifici di interesse storico-architettonico, sono validi come prerequisiti per accedere al bonus mobili.

Se fate una manutenzione straordinaria di un bagno potete richiedere il bonus mobili non solo per l’arredamento del bagno, ma anche per il resto della casa. Potrete arredare quindi,  ad esempio, la cucina, il salotto e la vostra camera da letto.

Fondamentale sapere che tutti gli interventi di manutenzione ordinaria (es: tinteggiatura pareti, rifacimento pavimenti, sostituzione sanitari…) sono interventi che NON permettono di accedere al bonus mobili 2021, ma quindi solo gli interventi di natura straordinaria. Nel caso invece di ristrutturazioni che interessano parti comuni di un immobile il bonus potrà essere utilizzato solo per i mobili della parte interessata alla ristrutturazione: i condomini usufruiranno della agevolazione in base alle rispettive quote millesimali.

E’ quindi sicuramente un buon momento per acquistare dei nuovi mobili approfittando delle varie occasioni presenti nei siti di vendita di mobili online e arredamento, come Decorosa.eu. Nel sito di ecommerce  di Decorosa, si può trovare un'ampia scelta di mobili  e arredamento  di qualità per la casa, da acquistare online o in uno dei due negozi presenti a Trieste.

Come si effettua la sanificazione degli uffici
Cucine di design: i trend del momento

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.ilmondodellacasa.com/