• Home
  • Esterno
  • Isan
  • Prato sempre preciso? Il segreto è l'irrigazione: ecco come fare

Prato sempre preciso? Il segreto è l'irrigazione: ecco come fare

irrigazione-prato

Come posso dire che la mia erba è più verde del mio vicino

Per avere un prato sempre perfetto, preciso e super invidiato da tutto il quartiere, il segreto è attenersi a una buona irrigazione.

Non importa che il prato sia irrigato tramite un impianto di irrigazione o a mano: quello che conta è attenersi a delle regole fondamentali per ottenere un prato sempre preciso e curato.

In quest’articolo sono indicati alcuni utili suggerimenti per avere e mantenere il prato del proprio giardino verde al punto tale da suscitare lodi da parte dei vicini.

Gli orari giusti

Il primo passo per avere un giardino perfetto è fissare degli orari per irrigare.

L’orario più conveniente per irrigare è sempre la sera o il mattino presto perché il terreno, non essendo caldo, non favorisce l’evaporazione dell’acqua e si evitano sprechi.

In caso di pioggia o di forte vento, si consiglia di rimandare l’irrigazione.

Non compattare il terreno

Il terreno deve essere smosso perché così arieggia e permette all’acqua di penetrare bene fino nelle radici. Con una buona penetrazione di acqua nelle radici, i fili d’erba destinati al prato saranno più sani, robusti e verdi al punto di far apparire il prato curato e preciso.

Eliminare le erbacce

L’operazione di eliminare le erbacce, dette malerbe, è da effettuare sistematicamente nei pressi del proprio giardino.

Le erbacce hanno le radici molto robuste e resistenti che si estendono nel fondo del terreno in profondità: riescono ad accaparrarsi molta acqua destinata al prato. Se riescono ad avere nutrimento a sufficienza le erbacce sono in grado di prendere il dominio su tutto la parte di erba del prato per cui è necessario estirparle.

Togliere tutto il feltro dal prato

Il feltro è quella parte che viene eliminata durante l'operazione di taglio dell'erba che avviene, di solito, tramite il tosaerba. Al feltro si aggiunge anche la parte delle erbacce che vengono eliminate.

Una volta estirpare le erbacce, esse devono essere tolte e buttate via, non vanno assolutamente lasciate sul prato. Quando le erbacce estirpate rimangono sul terreno, esse ostacolano gli scambi tra il terreno stesso e l’ambiente circostante.

In particolare, in presenza di erbacce morte, il terreno assorbe meno acqua e, di conseguenza, viene rallentata la traspirazione e l’evaporazione, diminuisce, inoltre la risalita capillare dell’acqua ai fili d’erba.

Gli effetti negativi saranno un generale malessere di tutto il prato.

Come prevenire tale disastro?

Il consiglio è di passare con un rastrello, a mano, alla fine di ogni taglio di erba.
La regola di eliminare tali residui, è fondamentale e viene suggerita a chi desidera avere l'erba del suo prato sempre più verde rispetto quella del vicino.

Impianto automatico

Se si sceglie di irrigare il proprio prato con un impianto automatico, va fatto presente che, una volta installato, deve essere controllato periodicamente per prevenire qualsiasi tipo di problema.

Un consiglio è quello di essere presenti durante l’irrigazione automatica per verificare fin dove arriva l’acqua, oppure se è necessario spostare qualche punto di uscita dell’acqua.

Può accadere, infatti, che in qualche punto arrivi troppa acqua, in altri un po’ meno e dalla verifica si comprende che è il caso di intervenire per modificare l’impianto.

Manutenzione dell’impianto

Oltre al controllo durante l’irrigazione, è bene controllare periodicamente tutto l’impianto.
Occorre smontare di frequente le tubature e, per evitare che in alcuni punti si formi calcare e trattare con un buon decalcificante.

Irrigare a mano

Se l’irrigazione è manuale, è bene che il tubo di gomma con cui si effettua l’operazione sia di buona qualità.

Una volta effettuata l’irrigazione, è buona cosa avvolgere il tubo nel suo apposito carrello e non lasciarlo mai al sole.

Alcune riflessioni

Per avere un prato sempre preciso e curato, è necessario curarlo come un bambino appena nato, fornendogli le giuste cure per crescere e svilupparsi.

Occorre dare le giuste quantità di concime, e un ottimo nutrimento tramite l'acqua. Come nella cura di un neonato o di qualsiasi persona, è sempre meglio prevenire che curare: non si può lasciare nessuna persona senza nutrimento per uno o più giorni, altrimenti si rischia il deperimento di tutto l'organismo.

Allo stesso modo occorre aver cura del proprio prato: curarlo e accudirlo deve essere un'attività quotidiana e non lasciata al caso o sporadica.

E ora?

Il prato sarà più verde e a prova di qualsiasi invidia!

Piastrelle in ceramica: come sceglierle e i vantag...
La pulizia corretta dei vetri

banner-scrivi-artioclo