5 buoni motivi per acquistare una stufa a pellet

stufa-a-pellet

Quando si avvicina la stagione invernale e i primi freddi iniziano a fare capolino, è il momento migliore per investire sul riscaldamento domestico. Tuttavia, dinanzi ad una scelta vastissima di impianti ed apparecchi (caldaie a gas, stufe, caminetti, ecc.) non è facile orientarsi e prendere la decisione giusta.

Tra le varie soluzioni che il mercato odierno propone, il riscaldamento a pellet sembra essere l’opzione più quotata, in termini sia di prestazioni che di risparmio energetico: una stufa a pellet, infatti, è un’ottima alternativa ad un tradizionale camino a legna o ad una stufetta elettrica.

Ma quali sono, nello specifico, i vantaggi offerti da questo tipo di riscaldamento? Per rispondere a questa domanda, ci siamo rivolti ad un importante negozio di stufe a pellet, ovvero Paolo Barzotti. Vediamo, dunque, quali sono i principali motivi per passare al riscaldamento a pellet!

1) Semplicità d’uso

Le stufe a pellet sono apparecchi estremamente semplici da utilizzare. Rispetto ad una classica stufa a legna o ad un caminetto posto in soggiorno, ad esempio, non richiedono né procedure difficoltose per l’accensione, né interventi di manutenzione particolarmente complessi e dispendiosi.

Il funzionamento di una stufa alimentata a pellet è molto intuitivo: basta riempire il serbatoio con il pellet e premere il pulsante di avvio. Una volta acceso il fuoco, inoltre, non dovrete né tenerlo sotto controllo, né riattizzarlo per evitare che possa spegnersi. La combustione, infatti, è rapida e costante.

2) Basso impatto ambientale

Di fronte all’importanza sempre crescente delle tematiche dell’ambientalismo, quella di preferire una soluzione ecologica e sostenibile per il riscaldamento della casa è una decisione assai comune.

Tra le svariate categorie di apparecchi disponibili in commercio, le stufe a pellet sono quelle che offrono le migliori prestazioni, in termini sia di comfort, sia di salvaguardia dell’ambiente.

Il motivo è presto detto:  il pellet è un materiale eco-compatibile di origine totalmente naturale, derivante dalla lavorazione di trucioli di legno essiccati e, quindi, da fonti rinnovabili.

Inoltre, rispetto alla legna tradizionale, la combustione del pellet produce delle ceneri molto sottili, che possono essere utilizzate come fertilizzante per i fiori e le piante che tenete in casa o in giardino.

3) Manutenzione rapida

Un altro punto a favore del riscaldamento a pellet? La manutenzione, assai più rapida e semplice di quanto non si possa immaginare. Se paragonati a quelli richiesti da una caldaia a gas o da un classico caminetto a legna, gli interventi che necessita una stufa a pellet sono meno gravosi: è sufficiente, infatti, aspirare le ceneri circa una volta alla settimana e, annualmente, rimuovere la fuliggine dai tubi.

4) Design accattivante

Un aspetto non meno importante da considerare, quando si sceglie una stufa (o un qualsiasi altro apparecchio per il riscaldamento domestico), è proprio il design. Materiali, finiture e colorazioni andrebbero, infatti, adattati al resto dell’arredamento (mobili, divani, ecc.) presente nell’ambiente che ospiterà il nuovo prodotto, in modo da ottenere un risultato coerente e piacevole alla vista.

Per fortuna, la scelta di stufe a pellet disponibili sul mercato è davvero molto ampia, per coprire tutte le esigenze, comprese quelle stilistiche. Dai modelli ispirati alle antiche stufe a legna della nonna, alle proposte più moderne, ma non per questo meno raffinate: ce n’è veramente per tutti i gusti!

5) Versatilità e comfort

Negli ultimi anni, il mondo delle stufe a pellet si è evoluto e ha fatto, letteralmente, passi da gigante.

I nuovi modelli sono, infatti, altamente avanzati, per garantire all’utente il massimo della sicurezza e del comfort, ma anche per adattarsi a tutte le condizioni d’uso. Ad esempio, sul mercato si trovano, oggi, anche stufette a pellet di piccole dimensioni, indicate per chi abita in un mini-appartamento e, dunque, non ha bisogno di una potenza elevata per raggiungere il grado di comfort desiderato.

Un’altra categoria innovativa, sempre più diffusa nelle case degli italiani, è quella delle stufe senza canna fumaria. La particolarità di questi apparecchi consiste, appunto, nella capacità di espellere i fumi tramite un apposito sistema di scarico forzato a parete, il che comporta tre grandi vantaggi:

  • un investimento iniziale più contenuto, in quanto non dovrete rivolgervi ad una ditta specializzata per installare la canna fumaria in soggiorno o in un altro ambiente della casa;
  • una maggiore versatilità, poiché possono essere utilizzati anche in tutti quei contesti in cui, per mancanza di spazio o per altre ragioni (ad esempio, per particolari vincoli urbanistici e/o paesaggistici, che impediscono di modificare gli edifici senza aver ricevuto l’autorizzazione).
La migliore asciugatrice, classe energetica, carat...
Cosa sono e a cosa servono le pompe idrauliche

banner-scrivi-artioclo